lunedì 17 marzo 2008

Pasqua & Pastiera

Pasqua è in arrivo e molti di voi mi hanno chiesto la ricotta fresca per fare la pastiera. Per venerdì 21 Marzo stiamo prendendo ordinazioni per la ricotta freschissima (quella di Pienza) e il pane di Gabriele Bonci (per pasqua e pasquetta), se ne avete bisogno chiamate per tempo ( entro giovedì allo 06.5561677), scrivete (mirkocaretta@gmail.com) o passate direttamente qui in bottega. Nel frattempo mi sono informato sulla ricetta tradizionale della pastiera classica napoletana (non l'ho mai fatta forse quest'anno mi cimento) e ne ho trovate moltissime in rete. Un amico napoletano dice che la ricotta dev'essere di pecora, in rete ho trovato una ricetta che dice ricotta mista (qui son perplesso), ed un altro afferma ricotta di vacca...l'importante di questi tempi è trovarla fresca, sicura e buona. Per la precisione però: voi come la fate? E com'è la tradizionale? Se avete qualche foto delle vostre pastiere mandatemele che le metto sul blog. Nel frattempo scrivo quella del mio amico, aspettando le vostre.

La Storia & La Ricetta (da wikipedia):

Narra la leggenda che la sirena Partenope, simbolo della città di Napoli, dimorasse nel Golfo disteso tra Posillipo ed il Vesuvio, e che da qui ogni primavera emergesse per salutare le genti felici che lo popolavano, allietandole con canti di gioia. Una volta la sua voce fu così melodiosa e soave che tutti gli abitanti ne rimasero affascinati e rapiti, accorsero verso il mare commossi dalla dolcezza del canto e delle parole d’amore che la sirena aveva loro dedicato e, per ringraziarla, sette fra le più belle fanciulle dei villaggi furono incaricate di consegnarle i doni della natura: la farina, la ricotta, le uova, il grano tenero, l'acqua di fiori d'arancio, le spezie e lo zucchero. La sirena depose le offerte preziose ai piedi degli dei, questi riunirono e mescolarono con arti divine tutti gli ingredienti, trasformandoli nella prima Pastiera, che superava in dolcezza il canto della stessa sirena.

Ingredienti per 8/10 persone:

.Ripieno:
* grano già cotto 580 gr. (circa)
* 200 gr. latte
* 40 gr. strutto
* 1 scorza di limone
* 500 gr. di ricotta
* 400 gr. di zucchero semolato
* 6 uova intere
* 3 tuorli d'uova
* vaniglia
* 1 fiala di fior d'arancio
* cannella
* 150 gr. di canditi.

.La pasta frolla:
* 500 gr. di farina
* 3 uova intere
* 200 gr. di zucchero semolato
* 200 gr. di burro

.Preparazione
Procedimento per la pasta frolla: mescolare tutti gli ingredienti formando una palla e lasciare riposare per circa un ora.

Procedimento per il ripieno: mettere il grano in una casseruola con il latte, lo strutto, ed una grattatina di limone, portare il tutto ad ebollizione e girare finché non si ha una consistenza cremosa; togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.

A parte passare al setaccio la ricotta aggiungere, le uova e lo zucchero mescolate precedentemente, la vaniglia, la fiala di fior d'arancio e la cannella ed in ultimo i canditi tagliati a pezzettini. Unire il tutto al grano e mescolate accuratamente. Ungere una teglia e ricoprirla con la pasta frolla fino ai bordi, versare l'impasto e guarnire con striscioline di pasta frolla messe da parte. Cuocere a temperatura di forno moderata da un minimo di 50 min. una volta raffreddata cospargere di zucchero a velo. E se poi ve ne avanza un pezzo, dopo le feste, qui al bir&fud bottega siamo a disposizione per un assaggio, mettiamo noi la birra adatta.
b&f

4 commenti:

Fabrizio ha detto...

ricotta di pecora tutta la vita!!!!!!!!!!
Noialtri del Monolocale la Pastiera la si fa così.

Ciao ciao

F

Mirko ha detto...

Beh il consiglio del monolocale va sempre seguito...se riesco a farla metto su qualche fotografia (se viene male ve le scordate : ).
Ciao Mirko

elianto ha detto...

la mia la trovi qui ;)
http://farm1.static.flickr.com/71/155828848_30e4096398.jpg

elianto ha detto...

mmm....sbagliato link

http://www.flickr.com/photos/30325147@N00/155828848/in/set-72157594250773675